Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Coordinamento politico di Ross@, il resoconto

L‘evoluzione della crisi sociale e politica rende ancora più chiaro che i margini del vecchio riformismo sono inesistenti. Il progetto di riorganizzazione capitalista a spese del lavoro, dei diritti e dello stato sociale, per la privatizzazione del pubblico va avanti. Ciò che cerca continuamente questo progetto è una stabilizzazione di regime politico e sindacale, con la brutale repressione di chi è fuori dal perimetro delle scelte consentite.

Il governo Renzi diventerà un avversario più pericoloso degli altri di questi anni perché unisce davvero tutti i poteri forti, il sistema di potere europeo, gli apparti ed il consenso del centrosinistra e di parte della destra. Inoltre è espressione della spregiudicatezza neocraxiana delle nuove caste politiche.

La sinistra antagonista in Italia riconquisterà spazio e funzione a partire dalla sua capacità di fare opposizione e mettere in crisi il governo Renzi ed il sistema PD che ne è l’architrave. Questo implica una politica di rottura totale con il PD in tutte le sedi.

La controriforma elettorale, se approvata renderà impossibile, per una fase almeno, la presenza in parlamento di sinistre alternative al centro sinistra. Questo cambia radicalmente il quadro e le funzioni dell’agire politico a sinistra, basta con la priorità elettorale.

Nei municipi sta nascendo un sistema di esperienze e forze alternative al centrosinistra, questo è un terreno su cui lavorare anche per costruire congiunzioni tra iniziative elettorali e movimenti sociali radicali. Nessun interesse per le sinistre del centrosinistra.

La questione della rappresentanza sindacale è centrale, il rifiuto del Testo Unico sulla rappresentanza una discriminante. Chi non lo contrasta sta politicamente col PD e sindacalmente con il modello sindacale di CGIL CISL UIL .

Si conferma che l’Unione Europea non è riformabile e che bisogna battersi per una rottura della struttura che la governa, che non può essere democratizzata. Anche l’Euro, come simbolo e strumento del liberismo autoritario europeo, va messo in discussione.

Occorre fronteggiare la dura e crescente repressione che colpisce i movimenti e le lotte.

 

Su queste basi:

1) organizzazione della manifestazione del 12 aprile come appuntamento contro l’Unione europea di tutte le forze antagoniste e della sinistra alternativa a destra e Centrosinistra;

2) Campagna per il referendum contro i Trattati Europei da chiudere prima della manifestazione nazionale;

3) campagna sulla democrazia sindacale e sulla unità del Sindacalismo conflittuale;

4) confronto ed eventuale sostegno al movimento delle liste alternative modello Messina e Pisa alle amministrative;

5) non adesione alla lista TSIPRAS per evidenti ragioni dovute alla sua composizione e ai suoi contenuti programmatici, fermo restando il rispetto verso le libere scelte individuali.

6) necessità di definire il percorso politico e la funzione di Ross@, di cui registriamo le evidenti difficoltà che hanno portato a non avere un ruolo nelle elezioni europee. Il congresso costituente di fine giugno dovrà sciogliere tutti i nodi.

Gesti estremi e suicidi: il capitalismo è produzione di morte


Un operaio in cassa integrazione del polo logistico di Nola (Pino D. C.), afferente allo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco (Napoli), attivista dello Slai/Cobas,  si è ucciso nella giornata di martedì 4 febbraio in casa ad Afragola.

L'uomo aveva 43 anni, in cassa integrazione da alcuni anni stava attraversando un periodo di depressione per questioni di carattere familiare ma, soprattutto, per la nuova condizione di difficoltà economiche in cui era precipitato a seguito dei processi di ristrutturazione aziendale in atto nel settore auto a Pomigliano d’Arco a partire dal 2010 in poi.
Nella zona era noto per il suo impegno nelle lotte dei cassaintegrati dello stabilimento di Pomigliano d'Arco della Fiat dove partecipava alle iniziative di mobilitazione organizzate dai suoi compagni di lavoro.

Come al solito, come avviene nei troppi casi analoghi che stanno accadendo in Italia e non solo, si sprecano le luride analisi sociologiche circa le motivazioni di questi gesti estremi.

Questa volta vogliamo provare ad avviare un ragionamento, oltre il dato emozionale, per avviare una riflessione sugli aspetti che riconduciamo ai veri e propri fattori di produzione di morte del capitalismo e dei suoi inumani rapporti sociali.

Un tentativo di inquadramento analitico che tiene conto dell’aggrovigliarsi dei fattori di crisi, della scomposizione sociale e dei devastanti caratteri di quello che abbiamo definito come il turbo capitalismo della nostra epoca.

Un contributo alla discussione che concepiamo finalizzato, soprattutto, all’azione politica e sociale che svolgiamo nel movimento ed oltre.

Intanto, però, la cronaca quotidiana continua ad elencarci il numero dei morti, dei tentativi di suicidi che si stanno moltiplicando in ogni angolo del paese con una cadenza temporale sempre più incalzante ed angosciante.

Si pone, dunque, almeno a giudizio di chi scrive, la necessità di un supplemento analitico su alcuni versanti che afferiscono all’aggravarsi dei dispositivi di desolidarizzazione e di atomizzazione sociale che sono il vero detonatore di questo black out cognitivo ed umano che spinge individui “normali” – per quanto attanagliati da problemi economici ed esistenziali – ad una pesantissima scelta senza alcuna possibilità di ritorno.

Sempre più per larghi settori sociali le dinamiche della vita appaiono senza senso. Sempre più a partire dalle aree metropolitane e dai cosiddetti punti alti dello sviluppo capitalistico, dove i rapporti sociali sono più violenti e contraddittori, si vanno diffondendo patologie sociali le quali sono la risultante dell’intreccio tra crisi economica, decomposizione dei vecchi assetti della società ed incapacità di esprimere una convincente risposta collettiva a queste derive.

E’ oramai evidente, anche a parere di molti analisti borghesi, che l'unica dinamica interessante della "nostra" società è quella di produrre effetti di auto-negazione su sé stessa. Una parossistica spirale verso il basso la quale non riesce a trovare assetti di stabilità e che procede verso soglie sempre più inumani ed antisociali.

Non è un caso che, sotto gli effetti di questa autentica mannaia stiano evaporando tutti i meccanismi di protezione e di ammortizzamento che nel corso dei decenni passati hanno, a grandi linee, hanno garantito elementi di salvaguardia e di tutela individuali e collettivi per larghissime fasce di popolazione.

Liquidità delle metropoli, evanescenza delle identità, scomposizione ed, addirittura, competizione tra gli individui sono la vera condizione materiale in cui siamo immersi ed in cui dovremmo, obbligatoriamente, operare per tentare di ricostruire forme possibili di ripresa dai contenuti antagonistici. Una ricerca ed una intrapresa collettiva che dovrà essere sperimentata ad ampio raggio ed a scala sempre più globale.

Il capitalismo è diventato, oramai da tempo, un sistema così libero da ogni controllo da parte dell'uomo, da procedere a briglia sciolta verso quel suicidio che impone così spesso agli individui che assoggetta. Dentro questa infernale situazione un individuo che cerchi di dare un senso alla propria esistenza non può che realizzare la propria condizione di super sfruttato e di alienato in mezzo ai suoi simili e tentare di porvi un cosiddetto rimedio spesso con modalità placebo.

Quando poi, all’insorgere di difficoltà impreviste come quelle che si stanno palesando nelle cronache che quotidianamente leggiamo, percepisce di essere un granello fra altri, sembra non avere altra scelta che arrendersi dando fuori di testa contro di sé o i suoi simili.

Ritorna – quindi – al di là di qualsiasi dissertazione rituale e formale il tema, l’autentico rompicapo teorico, della necessità di un diverso ordinamento sociale e di nuovi e più avanzati rapporti tra gli individui.

Lungi da noi la banale suggestione che questa riflessione possa alimentarsi slegata dalle forme del conflitto, della lotta e delle sue variegate problematiche.

Ma, se veramente vogliamo interrogarci sulle cause profonde dei tragici suicidi a cui stiamo passivamente assistendo, dobbiamo iniziare a porre, in tutti gli ambienti sociali in cui agiamo, unitamente al piano di azione della mobilitazione immediata, la necessità potente dell’alternativa di società e la passione durevole del comunismo

La strategia di guerra e di annientamento del PD e di Re Giorgio

E’ veramente stupefacente il percorso di autentica simulazione e falsificazione che il Partito Democratico – ed anche il suo satellite vendoliano – stanno compiendo in questi ultimi giorni.

L’aver intonato Bella Ciao dopo aver consumato l’ennesima porcata a favore delle banche e dei poteri forti e dopo aver stracciato i regolamenti parlamentari per attuare, ad ogni costo, il vergognoso provvedimento a vantaggio della grande finanza costituisce un nuovo punto di non ritorno del corso politico del Partito Democratico e delle sue elites di potere e di governance.

Lo stesso comportamento procedurale di Laura Boldrini, non a caso difesa manu militare dai deputati del PD, segna il suggello formale a questo ennesimo atto dell’involuzione autoritaria nel nostro paese.

E’ bastato scorrere, infatti, i contenuti dei media degli ultimi due giorni per prendere atto come, contro i deputati Cinque Stelle, si sia scatenata una vera e propria aggressione rispolverando un lessico che i vari opinion maker dell’informazione deviante utilizzavano nella stagione cosiddetta degli anni di piombo contro il terrorismo.

Stesso registro e stesso leit motiv si sta palesando a ridosso della legittima richiesta di impeachment del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, avanzata al Senato ed alla Camera dei Deputati dal Movimento Cinque Stelle.

Le accuse che il movimento di Grillo muove a Re Giorgio sono: 1. Espropriazione della funzione legislativa del Parlamento e abuso della decretazione d'urgenza. 2. Riforma della Costituzione e del sistema elettorale. 3. Mancato esercizio del potere di rinvio presidenziale. 4. Seconda elezione del Presidente della Repubblica. 5. Improprio esercizio del potere di grazia. 6. Rapporto con la magistratura: Processo Stato – mafia.

Si tratta, come è evidente ad ogni osservatore onesto, di fatti precisi e circostanziati contestati a Napolitano a fronte del suo disinvolto ed antidemocratico comportamento esercitato nell’ultimo periodo quando il Presidente della Repubblica ha svolto la funzione di regia e di direzione dell’agenda politica italiana in spregio a qualsivoglia principio di democrazia parlamentare e costituzionale. Un ruolo, si badi bene, in perfetta linea con gli interessi della grande borghesia continentale europea e i suoi variegati dispositivi diplomatici, finanziari e politici dispiegati a tutto campo.

Anche in questo caso si è scatenato il linciaggio politico contro i Cinque Stelle accompagnato dall’ipocrita esecrazione scandalistica che, da tempo, condisce i riti della politica ufficiale italiana.

E’ noto – e non potrebbe essere diversamente per chi ci conosce – che non ci collochiamo tra quelli suscettibili alle mirabolanti  e altalenanti suggestioni di Grillo/Casaleggio ed è noto anche che ci annoveriamo tra coloro i quali ascrivano alle dinamiche organizzate del conflitto di classe il merito e le possibilità delle trasformazioni sociali e societarie.

Questa volta, però, non possiamo non indignarci e denunciare, a gran voce, le strumentalizzazioni in corso da parte del Partito Democratico le quali non puntano alla sola eliminazione/normalizzazione dell’anomalia Grillo ma mirano ad affermare, sul piano generale e sul versante dei rapporti di forza nel paese, un nuovo stadio della trasformazione giuridica, economica ed istituzionale della forma/stato del capitalismo tricolore.

Del resto il progetto di concentrazione e centralizzazione del polo imperialista europeo, l’accentuarsi dei fattori di competizione globale e le sfide che si pongono dinnanzi all’Azienda/Italia impongono a questi apprendisti stregoni della governance del capitale una linea di condotta blindata, autoritaria e repressiva contro ogni parvenza di opposizione e/o contestazione.

E’ bene, quindi, che anche da parte nostra – dei comunisti, degli anticapitalisti e dei movimenti di lotta – si prenda definitivamente atto di questa situazione e si predisponga, nei posti di lavoro, nei territori e nella società tutta, la necessaria risposta di massa conflittuale ed antagonista.

Il tesseramento alla Rete dei Comunisti, un atto tutt’altro che formale

Rivoluzione è il senso del momento storico. Questa citazione che riafferma il carattere strategico ed immanente dell’opzione comunista agente fa da cornice all’avvio del tesseramento alla Rete dei Comunisti per l’anno 2014.

Leggi tutto...

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet