Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Seconda tappa a Pisa della campagna “A 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale”

Il polo imperialista europeo militarizza i territori e si prepara alle prossime aggressioni contro i popoli dell’Est europeo e del Sud Mediterraneo.
Stamane una delegazione della Rete dei Comunisti ha affiancato la mobilitazione contro la militarizzazione del territorio pisano,  attraverso l’insediamento del ComFoSe (comando delle forze speciali dell’esercito italiano) all’interno della Caserma dei paracadutisti Gamerra.

Leggi tutto...

A Pisa parte la campagna "A 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale"

Con un banchetto, un volantinaggio e con cartelli informativi presso il mercato di via Paparelli è iniziata mercoledì mattina a Pisa la campagna nazionale della Rete dei Comunisti "A 100 anni dal primo conflitto mondiale: ci risiamo?".

Leggi tutto...

Sabato 18 ottobre 2014 da che parte stai?

Con il movimento dei migranti e rifugiati che lotta per il permesso di soggiorno, il salario garantito per tutti e il miglioramento delle condizioni di vita in un territorio martoriato come  quello dell’area di Castel Volturno o con la Lega di Salvini che per racimolare qualche voto  in più specula sulla vita degli immigrati indicendo una manifestazione a Milano contro l’invasione e l’operazione "Mare Nostrum"??

Leggi tutto...

A un anno dalla strage di Lampedusa: scendiamo in piazza per ricordare

La Rete dei Comunisti di Pisa aderisce e partecipa al presidio convocato dal Progetto Rebeldìa per venerdì 3 ottobre alle ore 17 in Logge dei Banchi, a un anno dalla strage di Lampedusa, dove persero la vita 368 persone nel tentativo di raggiungere le coste italiane.

Leggi tutto...

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet