Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Con la forza dello tsunami, avanza decisamente il Socialismo per il XXI Secolo

La Rete dei Comunisti saluta con piena consapevolezza militante rivoluzionaria la vittoria del compagno Presidente Evo Morales nel deciso cammino  per l’autodeterminazione dei popoli.

Leggi tutto...

Solidarietà militante al popolo rivoluzionario venezuelano

Solidarietà militante al popolo rivoluzionario venezuelano, al PSUV, al Presidente Maduro, al Governo rivoluzionario bolivariano!
Contro la barbarie imperialista , antifascismo militante sempre!

Leggi tutto...

Salutiamo i 50 anni di lotta delle FARC-EP

Al compimento dei 50 anni di lotta, il 27 maggio, inviamo un saluto fraterno e solidale alle FARC-EP, al suo Stato Maggiore Centrale e alla Segreteria, al Partito Comunista Clandestino della Colombia e al Movimento Bolivariano per una Nuova Colombia, che ispirati al marxismo-leninismo, sviluppano una lotta instancabile per i diritti della classe operaia, dei contadini poveri, dei giovani e delle donne, per il socialismo.

Onoriamo la memoria di Manuel Marulanda, dei fondatori, dei martiri comunisti e dei combattenti, dei comandanti e militanti, che nel corso di questi decenni hanno dato la loro vita per gli interessi popolari e dei lavoratori, per la libertà e la fine dello sfruttamento dell'uomo da parte dell'uomo.


Appoggiamo lo sforzo delle FARC-EP per una soluzione politica al conflitto sociale ed armato che garantisca i diritti e le libertà operaie e popolari. Siamo solidali con la lotta del popolo colombiano per una nuova Colombia in cui non si debba più patire la fame, in cui vi sia piena occupazione, soddisfazione ai bisogni abitativi e siano appagati il diritto alla salute e il diritto all'istruzione per tutti. Chiediamo che vengano liberati i prigionieri politici nelle carceri della Colombia e degli Stati Uniti.

Appoggiamo il diritto di tutti i popoli a esercitare le forme di lotta che essi stessi scelgono e a rivendicare il potere; esprimiamo il nostro rifiuto alla stigmatizzazione di questo diritto come terrorismo da parte dell'imperialismo e delle forze borghesi.

Inviamo il nostro saluto a tutti i membri delle FARC-EP, nelle giungle, montagne, campi, luoghi di lavoro, scuole, prigioni e alla Delegazione di Pace, che continuano la lotta per i loro obiettivi e ideali formulati 50 anni fa.

Firmatari:

Lista Solidnet:
Partito Algerino per la Democrazia e il Socialismo
Partito Comunista Tedesco
Partito Comunista d'Australia
Partito Comunista Brasiliano
Partito Comunista del Canada
Forza della Rivoluzione - Repubblica Dominicana
Partito Comunista dell'Ecuador
Partito Comunista dei Popoli di Spagna
Partito Comunista di Grecia
Partito Comunista del Messico
Partito Popolare Socialista - Messico
Partito Comunista della Federazione Russa
Partito Comunista Operaio di Russia
Partito Comunista di Turchia
Nuovo Partito Comunista della Jugoslavia

Washington: concluse le iniziative per i 5 cubani

Si concludono le giornate di Washington “5 days for the 5” con le diverse Delegazioni Internazionali, divise in quattro gruppi, impegnate a incontrare separatamente vari senatori e congressisti statunitensi.

Le posizioni emerse e le sensibilità sono ovviamente diverse, ma tutti i parlamentari indistintamente auspicano una normalizzazione dei rapporti politici ed economici con Cuba e in ciò si potrà anche giungere alla definizione tra governi del caso dei tre cubani ancora in carcere e di Alan Gros cittadino statunitense condannato per spionaggio e detenuto a Cuba.

I diversi parlamentari hanno tutti sottolineato che la normalizzazione delle relazioni con Cuba aprirebbe anche migliori prospettive di dialogo e di rapporti politico economici con tutta l America Latina e i cosiddetti paesi del Terzo Mondo, miglioramento assolutamente auspicabile in una fase come l attuale caratterizzata dalla più grande crisi economica mondiale e da una forte crisi degli USA nei rapporti internazionali sia con i BRICS sia con l’ALBA e in presenza di aree di forte conflitto come Siria, Ucraina, ecc. e di accesa competizione con la stessa Unione Europea.

La nostra Delegazione ha evidenziato in tutti gli incontri cui ha partecipato il grande lavoro di solidarietà politica e culturale svolto dal Capitolo Italiano della Rete in Difesa dell’Umanità attraverso Nuestra América, la Rete dei Comunisti, Radio Città Aperta, il Cestes Centro Studi dell’USB, insieme al Comitato Italiano Giustizia per i Cinque.

Nei nostri interventi sono stati posti problemi anche relativi al miglioramento delle relazioni scientifiche accademiche fra Cuba e USA che darebbero un forte impulso allo sviluppo della ricerca in campo medico, biologico, farmaceutico, agro-ingegneristico e nelle scienze sociali, sviluppo che se indirizzato da serie politiche ed equilibrate relazioni favorirebbe un progresso più armonico e socio eco compatibile, di cui beneficerebbe l'intera umanità.

Ma abbiamo sottolineato che per poter affrontare tale normalizzazione si deve assolutamente partire da un tavolo governativo tra USA e Cuba di relazioni di parità e di rispetto e senza condizioni, ma partendo dal dato politico che gli USA devono compiere per chiudere l’ultra cinquantennale vergognoso Bloqueo e realizzare subito un atto di giustizia che attendiamo da sedici anni rilasciando immediatamente Toni, Ramón e Gerardo poiché sono innocenti e questo lo conferma una parte grande, rispettabile, eticamente sana dell’opinione pubblica statunitense e internazionale che coinvolge attivamente in questa battaglia di libertà Premi Nobel, intellettuali e artisti di gran prestigio, settori importanti delle diverse Chiese Cristiane e di altre confessioni religiose, la Federazione Sindacale Mondiale, prestigiose realtà accademiche, parlamentari di molti paesi, movimenti sociali e sindacali, organizzazioni politiche e della solidarietà internazionalista militante.

La nostra Delegazione ha decisamente chiesto nei diversi incontri un forte impegno dei parlamentari USA progressisti e sensibili ad una nuova visione delle relazioni con Cuba e internazionali, immediatamente in questi prossimi mesi prima dell'inizio della campagna elettorale presidenziale statunitense che potrebbe condizionare in senso ancora negativo le relazioni fra i due paesi per poter così accontentare le pressioni dei grandi elettori e lobbies legati ai peggiori ambienti anti cubani e fortemente ostili al governo socialista rivoluzionario.

Ci siamo detto quindi pronto a continuare la lotta in tutte le sedi possibili e speranzosi di poter festeggiare il prossimo Natale a Cuba con i nostri tre fratelli a casa loro e con i loro cari familiari e il loro popolo e Governo che li ha nominati eroi nazionali.

OBAMA GIVE ME FIVE !!! 
Libertà subito e senza condizioni per ANTONIO, RAMÓN E GERARDO! 
FINE IMMEDIATA DEL BLOQUEO CONTRO CUBA!!! 
HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!! 
SOCIALISMO O MUERTE, VENCEREMOS!!

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet