Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Portogallo. Alle elezioni crescono i comunisti, altissima l'astensione

Dai primi risultati delle elezioni amministrative conclusesi ieri in Portogallo, emerge che l'unica lista che aumenta in percentuale è la Coalizione Democratica Unitaria (CDU) - una coalizione di comunisti del Pcp, Verdi e indipendenti di sinistra - che è passata dal 10,7 al 12%. Scende invece dal 4,2 al 3,1% il Bloco de Esquerda (BE), una coalizione della sinistra alternativa.

Crolla il partito dicentro-destra al governo (che si colloca al 32% e perde quasi il 10%). Con il 35% calano anche i socialisti (-1,8%), che pure sono all'opposizione e si avvalgono del richiamo al "voto utile" contro la destra, pur avendone sostanzialmente condiviso la politica e la fondamentale subalternità alla linea dell'Unione Europea. E' stato altissimo l'astensionismo che, sommato alle schede bianche e nulle, sfiora il 50%.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet