Qualche chiarimento su sovranità e sovranismo

Un fantasma si aggira per l’Europa. Il fantasma del sovranismo. Ci perdonerete la parafrasi dell’immortale incipit di Marx, ma poche parole recenti hanno avuto successo quanto questa, anche se praticamente nessuno sa darne una definizione univoca, linguisticamente fondata.

Leggi tutto...

Ricerca, riflessione e pensiero critico nell'elaborazione del Centro Studi CESTES

Più passa il tempo e più la riflessione di Luciano Vasapollo e di Rita Martufi diventa vivace e appassionata. Interpreti consapevoli di un metodo materialista essi in primo luogo aggiornano i temi più rilevanti su cui si sono concentrati nel passato al fine di verificare le ipotesi fatte ma anche di registrare quei cambiamenti che ci costringono almeno in parte a mutare rotta. 

Leggi tutto...

Migranti, lotte sociali e ricomposizione di classe

La questione migrante così come si sta caratterizzando in questo periodo si pone al movimento operaio italiano con una complessità nuova per la sua storia, nel senso che ci muoviamo non più su una dimensione nazionale ma addirittura continentale e intercontinentale, dimensione che introduce contraddizioni all’interno della classe lavoratrice che rischiano di diventare dirompenti politicamente ed in parte già lo sono.

Leggi tutto...

Qualche osservazione all’articolo 'Per una definizione del regime cinese'

Il denso articolo prodotto da Casacchia e Gullotta, pubblicato nel sito della Rete dei Comunisti (http://www.retedeicomunisti.org/index.php/interventi/2094-per-una-definizione-del-regime-cinese) è un punto di vista da tenere conto e con cui, volentieri, interloquisco. Di certo, gli autori, che frequentano la Cina, e questa è una cosa da tenere presente, hanno però, a mio giudizio, una sorta di ansia classificatoria forse troppo legata alle categorie classiche del nostro pensiero. Tale attitudine è da tener presente nell’approccio analitico complessivo che i due autori hanno esposto.

Leggi tutto...

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet