Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

Pd e Cgil non sono un'alternativa al razzismo dilagante

Negli ultimi giorni assistiamo a una rapida escalation di azioni razziste estremamente preoccupanti, i fatti di cronaca si conoscono: dal brutale linciaggio ad Aprilia fino all’aggressione dell’atleta Daisy Osakue, queste vicende rappresentano un inasprimento dentro a una scia di lungo periodo non ancora esauritasi ma che, al contrario, può svilupparsi in scenari ancora più violenti come l’uso sistematico della “giustizia fai da te” o addirittura in pogrom.

Leggi tutto...

Sui nuovi termini della Questione Meridionale: le tendenze dello sviluppo capitalistico nel Mezzogiorno e le proposte dei comunisti

Pubblichiamo questo documento  redatto dalla federazione provinciale di Caserta del PCI sui "nuovi termini della questione meridionale".

Leggi tutto...

Esuberi, delocalizzazioni e cassa integrazione: Marchionne vai pure, Noi Restiamo!

In queste ore in cui precipitano le condizioni di salute di Sergio Marchionne vediamo già all’opera stampa e telegiornali che ne santificano la figura mentre, più pragmaticamente, il gruppo dirigente FCA lo sostituisce prima della riapertura dei mercati.

Difronte a questa beatificazione incontrastata vogliamo ricordare brevemente alcune sue grandi gesta:

Campione nel capitalismo “mordi e fuggi”, per decenni si è appropriato di qualsiasi tipo di finanziamento pubblico per poi trasferire la sede legale e fiscale all’estero, mantenendo in Italia stabilimenti fantasma dopo aver paventato un “progetto Italia” utile solo come ricatto per vincere il referendum del 2010 a Pomigliano d’Arco, risultato raggiunto anche e soprattutto grazie alla complicità dei sindacali confederali, questa vittoria ha significato un salto di qualità nell’azzeramento dei diritti e della dignità dei lavoratori in Italia, fungendo da apripista al Jobs Act Renziano.

Del “modello Marchionne” oltre all’attacco al contratto di lavoro ricordiamo anche il carattere coercitivo e repressivo, come le minacce di licenziamento ai dipendenti in malattia, i turni massacranti, i reparti confino, i riposi forzati o la cassa integrazione.

All’ombra del “mito” Marchionne, amico di Renzi e Obama, ci sono centinaia e migliaia di vite invisibili che sono state schiacciate e travolte in nome della ristrutturazione competitiva dell’azienda.

Per questo non potremo mai unirci al coro di chi lo vuole celebrare, per noi è e rimarrà un padrone, e davanti al padrone mai ci toglieremo il cappello.

 

Noi Restiamo

La repressione a Torino parla a tutti

La Rete dei Comunisti di Torino si unisce a tutti quei soggetti politici, sindacali e di movimento che hanno espresso solidarietà e sostegno sincero ai compagni del Centro Sociale Askatasuna per i pesanti provvedimenti giudiziari che hanno subito nei giorni scorsi.

Leggi tutto...

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet