Intormativa

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili, anche di terze parti, per il corretto funzionamento e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione 'Cookie Policy'

Approvo

In piazza a Pisa per Sackou Soumaila

La Rete dei Comunisti di Pisa ha partecipato attivamente al presidio indetto dall'Unione Sindacale di Base contro l'assassinio di Sackou Soumaila a San Ferdinando, nelle campagne calabresi dominate dal caporalato e dalla malavita, che gestiscono con le armi lo sfruttamento schiavistico sotto gli occhi di istituzioni e cosiddette "forze dell'ordine".

Forze dell'ordine che tollerano da anni la condizione subumana nella quale versano migliaia di lavoratori agricoli, costretti in abitazioni indicibili e condizioni di lavoro anche peggiori. In una fase di crisi sistemica del capitalismo quali migliori condizioni se non queste per estrarre il massimo profitto dalla mano d'opera?

Il proletariato migrante è la punta di diamante di quella catena dello sfruttamento che parte dai paesi martoriati dalle aggressioni imperialiste dell'Unione Europea e arriva nelle nostre città e campagne come mano d'opera super-sfruttata, trovando oggi nell'Unione Sindacale di Base un elemento agglutinante pagato a duro prezzo, come l'assassinio di Sackou dimostra.

L'Unione Europea, mentre legittima i diritti civili (giusti, ma a spese di chi se li può permettere) gestisce i flussi migratori ai confini selezionando la mano d'opera utile ai sistemi produttivi dei vari paesi, attraverso i filtri della dittatura turca e delle tribù armate libiche. Dentro i confini della fortezza europea indicando legislazioni sempre più ferocemente antioperaie.

Le classi dominati italiane, che trovano evidente continuità nella compagine "gialloverde" rappresentata dall'esecutivo Conte, lavoreranno per migliorare la selezione dei migranti che potranno rimanere nel paese, al fine di ottenere il doppio risultato del consenso elettorale con espulsioni e repressione, fornendo nel contempo mano d'opera estremamente ricattabile ad un sistema produttivo e dei servizi sempre più asfittico.

Sackou ed i lottatori sociali come lui sono rena negli ingranaggi di questo sistema neo ottocentesco di sfruttamento. Per questo vengono eliminati anche fisicamente, come già successo ad Abd El Salam il 14 settembre 2016 a Piacenza.

La reazione di questi giorni al suo assassinio, la manifestazione del prossimo 16 giugno a Roma sono la via maestra per ricostruire un fronte di resistenza e di offensiva alla barbarie del capitalismo contemporaneo, che nel nostro continente ha nomi ben precisi: l'Unione Europea e i governi nazionali ad essa proni.

Sabato 16 giugno tutti a Roma!
Pullman da Pisa: info 050500442 - 3497192436

Rete dei Comunisti - Pisa
Via Sant’Andrea 31
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  33840149898
www.retedeicomunisti.org www.contropiano.org 
Profilo facebook RETE DEI COMUNISTI PISA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I nostri contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nostri tweet