01/11 2014

Pisa. Riuscita l'assemblea verso la mobilitazione antimilitarista del 4-11

Si è svolto giovedì sera presso il circolo Agorà l'incontro/dibattito organizzato dai promotori della campagna "Le guerre d'aggressione ai popoli dell'est e del medio oriente partono da Pisa. Fermiamoli!", verso la mobilitazione cittadina in programma per il 4 Novembre.

In apertura è stato letto un messaggio inviato dallo storico Giuseppe Aragno, che non ha potuto essere presente; la parola è poi passata a Manlio Dinucci, che ha inserito  l'istituzione a Pisa del Comfose (Comando delle Forze Speciali dell'Esercito), destinato ad ospitare i reparti specializzati in operazioni coperte, all'interno dell'evoluzione delle strategie militari italiane negli ultimi vent'anni. E' poi intervenuto un compagno curdo, fornendo un quadro generale della lotta del suo popolo nel complesso e drammatico scenario mediorientale, e invitando tutti a partecipare al corteo di domani pomeriggio a Firenze, nell'ambito della giornata europea di solidarietà con la resistenza di Kobane. Angelo Baracca, docente di Fisica all'Università di Firenze, ha focalizzato l'attenzione sui pericoli dell'attuale escalation di guerra in relazione al possibile impiego di armi nucleari.
Andrea Corti, del Prc, ha sottolineato la necessità di combattere l'egemonia del pensiero che giustifica la guerra a partire dalle sue articolazioni locali, che vedono ad esempio, a Pisa, l'annuale "giornata della solidarietà" in ricordo del Maggiore pisano Nicola Ciardelli, nella quale i bambini delle scuole elementari vengono portati in visita all'accademia della Folgore.
L'intervento di Valter Lorenzi, per la Rete dei Comunisti, ha evidenziato l'importanza di comprendere la complessità degli scenari di guerra nei quali si manifesta una competizione sempre più accesa tra poli geoeconomici, all'interno della crisi di sistema del capitalismo, come requisito per avviare processi di ricomposizione di un fronte che si opponga coerentemente alla guerra, come quello che a Pisa stanno portando avanti i promotori della campagna.
Il prossimo appuntamento è per martedì 4 Novembre alle ore 17 alle Logge dei Banchi, per un presidio/corteo antimilitarista.